REGOLAMENTO GENERALE
Con modifiche approvate nell’ Assemblea del 14/03/2022
CAPO I
NORME GENERALI
ART. 1) Il territorio del Comune è suddiviso in quattordici Contrade; le denominazioni delle medesime con i
rispettivi colori e stemmi sono descritte nell’allegato n. 1 che fa parte integrante del presente regolamento.
Ogni Contrada è in possesso di una cartina planimetrica del territorio di sua competenza con la descrizione
delle sole strade che ne delimita i confini.
È data facoltà a ciascuna contrada di avere un appellativo che nell’ufficialità delle manifestazioni non
modifica la denominazione ufficiale.
ART. 2) È vietato a due o più contrade di riunirsi.
ART. 2 B) Regolamento bandiera
ART. 3) L’ iscrizione al Palio delle Contrade città di Fucecchio, con validità annuale deve essere richiesta da
parte della Contrada entro il 31 ottobre dell’anno precedente. Entro il 5 novembre il C.d.A. darà comunicazione alle stesse delle avvenute iscrizioni. Entro il 31 dicembre di ogni anno la contrada dovrà comunicare al
2
CDA, in forma scritta, l’organico ufficiale. Entro il 31 dicembre di ogni anno la Contrada dovrà comunicare al
C.d.A in forma scritta via Pec l’organico ufficiale della stessa.
È fatto obbligo ad ogni Contrada comunicare in forma scritta al C.d.A. il nome, cognome e residenza del
Presidente o Governatore, Vice Presidente o Vicario e Capitano ogni qualvolta c’è una modifica.
Qualora una Contrada non si iscriva e quindi non partecipi al Palio per tre volte consecutive, pur rimanendo
a tutti gli effetti integra nel suo territorio e conservando tanto la denominazione quanto i propri colori, sarà
considerata ritirata. Per partecipare ancora al Palio dovrà farne domanda, almeno trenta 30gg. prima della
data d’iscrizione all’Assemblea dei Soci che potranno deliberare la sua riammissione.
Ai fini dell’iscrizione al palio le Contrade devono essere in regola con il pagamento delle sanzioni comminate
dal C.d.A. e divenute definitive, (il 50% da versare al momento dell’iscrizione entro il 31/10, il restante 50%
entro il 31/12) tale pagamento dovrà avvenire mediante bonifico bancario, conto corrente o vaglia postale o
con ogni mezzo che attesti la tempestività del pagamento pena la non ammissione della Contrada al Palio
dell’anno successivo. Qualora alla Contrada sia stata comminata una squalifica per la successiva edizione del
palio la stessa dovrà comunque procedere alla iscrizione all’associazione Palio delle contrade città di
Fucecchio entro la data sopra indicata pena la non partecipazione al Palio della edizione successiva.
ART. 4) La manifestazione avrà luogo la penultima domenica di maggio, salvo impedimenti che ne rendano
impossibile l’esecuzione in tale periodo come concomitanze con Festività religiose o consultazioni elettorali;
in tal caso spetta all’Assemblea determinare la miglior data utile.
La manifestazione sarà articolata secondo le seguenti fasi:
MARTEDI’: mattina visita veterinaria dei cavalli iscritti alla Tratta,
ore 21,30 cerimonia di presentazione del cencio e sorteggio dell’ordine di sfilata.

MERCOLEDI’: L’orario di inizio delle corse di selezione, del sorteggio dei cavalli e l’assegnazione alle
rispettive contrade, saranno comunicati da parte del C.d.A. a mezzo comunicato ufficiale ai rappresentanti delle contrade.
GIOVEDI’: ore 18,30 prove obbligatorie.
VENERDI’: ore 18,30 prove obbligatorie.
SABATO: ore 11,00 cerimonia di presentazione e iscrizione dei fantini.
DOMENICA: ore 9 sfilata storica.
Pomeriggio corsa del Palio.
ART. 4 B) Il C.d.A. nominerà entro il 31 dicembre di ogni anno tre commissioni – commissione pista,
commissione sfilata, commissione tratta – con il compito di coadiuvare le fasi organizzative della
manifestazione.
ART. 5) Le manifestazioni di cui all’articolo 4 e specificamente: cerimonia di presentazione del Cencio,
cerimonia di presentazione fantini e sfilata prevedono la partecipazione obbligatoria di tutte le contrade. La
contrada che non presenzierà a tali eventi sarà comminata l’ammenda di Euro 1.000 ad evento.
Le manifestazioni di cui all’articolo 4 e specificamente: sorteggio dei cavalli, prove obbligatorie prevedono
esclusivamente la partecipazione obbligatoria delle contrade iscritte e partecipanti a quell’edizione del
Palio. Ad esse, salvo le squalificate per quell’edizione, sarà comminata l’ammenda da Euro 1.000 a Euro
3
2.500 in caso di mancata partecipazione ad uno degli eventi indicati e sarà preclusa la partecipazione alla
corsa del palio stesso.
ART. 5B) Il C.d.A. comunicherà alle Contrade la partecipazione, ad un massimo di tre eventi ai quali
l’associazione palio è stata invitata, con un mese di preavviso dallo svolgimento dei medesimi. La mancata
partecipazione a tali eventi comporterà la sanzione dell’ammenda di euro 500. L’ assemblea deciderà
l’eventuale partecipazione ad altre manifestazioni esterne in base alla loro rilevanza rispettando sempre il
mese di preavviso. In casi eccezionali l’assemblea si potrà riservare altra decisione.
ART. 5 C) L’utilizzo delle denominazioni “Palio delle Contrade di Fucecchio” e “Associazione Palio delle
Contrade città di Fucecchio” in manifestazioni non direttamente organizzate dell’Associazione è ammesso
previa autorizzazione scritta del C.d.A. e conseguente la valutazione dell’attinenza delle stesse con il Palio e
dell’effettivo beneficio arrecato all’immagine del Palio
ART. 6) Il C. di A. decide il luogo dove effettuare le manifestazioni di cui al precedente articolo 4. Nel luogo
prescelto saranno esposte a cura dell’organizzazione, le bandiere di tutte le Contrade unitamente alle
insegne del Comune.
ART. 7) Il C.d.A. decide di anno in anno le modalità di assegnazione per la realizzazione del Cencio il quale
dovrà avere obbligatoriamente le seguenti caratteristiche:
altezza: cm 180 e larghezza: cm 90
dovrà contenere: lo stemma del comune, lo stemma dell’Associazione Palio delle Contrade e gli stemmi
delle 12 Contrade nonché attenersi al tema comunicato dal Consiglio di Amministrazione.
ART. 8) Il martedì precedente la domenica nella quale si correrà il Palio sarà presentato ufficialmente il
Cencio con una pubblica cerimonia alla presenza delle autorità.
ART. 9) In caso di maltempo, entro le ore 8,30 del mattino della domenica, il C.d.A. con i rappresentanti
delle Contrade valuteranno l’opportunità di effettuare la manifestazione. Qualora si ritenga che le
condizioni del tempo non permettano lo svolgimento della sfilata questa verrà soppressa. La corsa si
svolgerà nel pomeriggio salvo verifica delle condizioni della pista da parte del C.d.A. e comunque nel primo
giorno utile successivo alla domenica.
ART. 10) Le sanzioni applicabili a norma del presente regolamento, nei confronti delle contrade entrano in
vigore dalla loro emanazione e sono:
– Ammenda (pena pecuniaria che andrà da un importo minimo ad uno massimo, secondo le infrazioni
dello stesso genere e tenendo conto della ripetizione delle stesse infrazioni nei palii precedenti).
Trattandosi di sanzioni pecuniarie in caso di recidiva, verranno aumentate sino ad un importo pari al
doppio delle stesse.
– Diffida (sanzione non economica). Le diffide sono cumulabili per le successive 5 edizioni del Palio e
raggiunto il numero di 3 diffide alla Contrada sarà comminata un’ammonizione.
– Diffida personale a Presidente, Capitano di Contrada, consigliere di Contrada.
4
– Ammonizione (sanzione non economica). Le ammonizioni sono cumulabili per le successive 5
edizioni del Palio e raggiunto il numero di 3 ammonimenti la contrada sarà squalificata per una
edizione della manifestazione.
– Squalifica – la squalifica, una volta emanata sarà relativa alle edizioni del Palio successivo e sarà
estinta nella sua prima edizione del palio cui risulterà essersi regolarmente iscritta.
– Divieto di accesso – (coloro che sono oggetto di provvedimento disciplinare non possono
partecipare alle pubbliche manifestazioni).
ART. 11) Le proposte di variazione e aggiunte al regolamento devono essere presentate alla segreteria del
comune di Fucecchio ed indirizzate all’Associazione Palio delle Contrade città di Fucecchio da almeno un
terzo delle Contrade e/o dal Consiglio di Amministrazione entro il 31/12 e per diventare operanti per l’anno
in corso dovranno essere votate ed approvate entro il 31/01 successivo. Se votate dopo tale data diverranno
operanti per l’anno successivo.
ART. 11 B) Le modifiche al regolamento in ottemperanza a leggi, decreti, ordinanze ministeriali e comunque
ritenute necessarie e/o opportune dal C.D.A. per la tutela e salute animale e per la salute pubblica, per
ragioni di sicurezza, nell’ interesse a tutela della manifestazione ai fini organizzativi saranno applicabili senza
necessità di specifica approvazione e diverranno immediatamente operative.
ART. 12) È fatto assoluto divieto di riportare in discussione gli articoli del regolamento già dibattuti e
approvati nell’ambito della manifestazione in corso.
CAPO II
A) SFILATA STORICA
PERCORSO
ART. 13) Il percorso della sfilata è così stabilito:
Partenza da Piazza A. Moro, via Roma via Cairoli ‚ Piazza Montanelli ‚ Corso Matteotti ‚ via Lamarmora ‚
Piazza Niccolini ‚ Borgo Valori ‚ Piazza Vittorio Veneto, via San Giovanni, Via G. di San Giorgio, Via Castruccio.
Arrivo e scioglimento in via Franco Bracci.
Il percorso della sfilata, soggetto alla violazione ed alle relative ammende e diffide di cui all’art.17 del
presente regolamento in merito al ripercorrere in senso inverso il suddetto percorso, termina invece in
piazza Garibaldi.
ART. 14) Le Contrade dovranno presentarsi nel luogo di raduno scegliendo la via più breve, evitando le
strade del percorso della sfilata e senza comporsi in atteggiamento di sfilata.
Il raduno è fissato, per le prime quattro contrade estratte nella sfilata, alle ore 9,00 per le successive quattro
contrade alle ore 9,30 e per le ultime quattro alle ore 10,00.
La partenza avverrà improrogabilmente alle ore 9,30 nella composizione comunicata in precedenza dagli
organizzatori.
5
Alla Contrada che non si radunerà prontamente per la sfilata nel luogo di partenza, sarà applicata
un’ammenda di €500 e la diffida.
La Contrada che al momento della propria partenza non sarà pronta, verrà automaticamente retrocessa
all’ultimo posto della sfilata, ed alla medesima sarà comminata un’ammenda di €500.
TEMA
ART. 15) Il tema della sfilata storico del “Palio delle Contrade” sarà:
EVOLUZIONE DEI COSTUMI IN FUCECCHIO DAL 1200 al 1800
La Contrada che non rispetterà il tema previsto sarà passibile di un’ammenda di € 500.
Gli acquisti e gli approvvigionamenti di qualsiasi genere e natura per la realizzazione di quanto previsto nel
comma precedente ed al successivo art.16, saranno effettuati da ogni contrada iscritta che si impegna a
realizzare i costumi, gli addobbi, il materiale propagandistico ed ogni quanto necessiti per una ampia
interpretazione e divulgazione del tema prescelto.
FIGURANTI E NORME GENERALI
ART. 16) Ogni Contrada può partecipare esclusivamente con figuranti nei costumi tipici del periodo
prescelto nell’ambito del tema, integrando i suddetti, con altri raffiguranti arti e mestieri del periodo
prescelto e tipici della contrada.
È fatto divieto indossare indumenti o accessori che contrastino con il tema della sfilata la violazione
segnalata al C.d. A. comporterà l’ammenda di € 500.
Resta inteso che l’insieme dei figuranti d’ogni contrada non può superare il numero massimo di 90
(novanta), ne scendere sotto il minimo di 30 (trenta), oltre i 2 (due) alfieri che necessariamente dovranno
portare le insegne e la bandiera di contrada secondo i criteri stabiliti da apposita commissione.
Alla Contrada che presenti figuranti in numero superiore od inferiore al previsto verrà applicata l’ammenda
di € 100 per ogni figurante in eccedenza od in mancanza.
Alla Contrada che in sfilata non presenti le insegne ufficiali sarà applicata l’ammenda di € 250.
Alla Contrada che non sia presente alla sfilata sarà interdetta la partecipazione alla corsa del Palio.
Le Contrade a cui è interdetta la partecipazione alla corsa del Palio, a causa di sanzioni derivanti da
precedenti edizioni, hanno l’obbligo di partecipare comunque alla sfilata pena la loro esclusione dalla corsa
del Palio successivo.
ART. 17) Il corteo storico sarà aperto dal Gonfalone del Comune di Fucecchio al quale seguirà lo stendardo
dell’Associazione Palio delle Contrade e la Contrada vincitrice l’edizione precedente e in successione le altre
secondo sorteggio che verrà effettuato pubblicamente la sera della presentazione del Palio indistintamente
fra tutte le contrade iscritte e sarà chiuso dal Cencio. Il passo di sfilata dovrà essere cadenzato in modo tale
da cercare l’uniformità fra le contrade per non creare distacchi enormi tra le medesime. Sono proibite le
soste che pregiudichino il corretto e spedito andamento della sfilata. Tutte le componenti della sfilata, senza
esclusione, dovranno seguire l’intero percorso senza deviazioni e fuoriuscite di alcuna sorta. È fatto divieto
ai figuranti, quando la contrada avrà terminato la propria sfilata, ripercorrere in senso inverso il percorso di
cui all’art. 13.
6
La violazione di tale divieto comporterà per la Contrada l’ammenda di € 500 e la diffida.
Alla contrada che effettuerà volontariamente soste pregiudiziali per il corretto e spedito andamento della
sfilata sarà applicata l’ammenda di € 250.
ART. 18) Durante la sfilata è consentito il solo uso di suoni di chiarine e tamburi o di uno strumento riferito
all’epoca prescelta dalla Contrada.
Per motivi di sicurezza è vietato rivestire il fondo stradale dell’intero percorso della sfilata con materiali che
possono pregiudicare l’equilibrio sia dei cavalli che dei partecipanti.
Per gli stessi motivi ogni Contrada deve limitare il numero dei cavalli in sfilata a tre
Alla contrada che non si atterrà alle suddette norme sarà applicabile un’ammenda di € 250.
ART. 19) ABROGATO
ART. 20) È fatto obbligo ad ogni Contrada nominare entro il 30 aprile n. 3 (tre) persone e trasmettere per
iscritto al C.d.A. il nome di un solo responsabile con il compito di coadiuvare gli organizzatori prima, durante
e al termine della sfilata.
I suddetti responsabili che seguiranno lo svolgimento della sfilata dovranno vestire con costumi d’epoca.
Per coordinare l’intera organizzazione della sfilata è facoltà; del Presidente del C.d.A. di riunire tutti i
responsabili precedentemente al giorno di svolgimento.
ART. 21) Ogni Contrada dovrà esporre gli addobbi sulle pubbliche strade, nell’ambito del proprio territorio,
15 (quindici) giorni prima della data del Palio e dovrà rimuoverli 15 (quindici) giorni dal termine del Palio,
con esclusione della Contrada vincitrice che usufruirà della proroga di una settimana. Alla Contrada che non
rispetterà detti termini sarà applicata un’ammendo di € 500 e la diffida. Detti addobbi devono essere posti
ad un’altezza minima di metri quattro e cinquanta dal suolo.
ART. 22) Il C.d.A. nominerà una commissione di vigilanza con il compito di sovrintendere al regolare
svolgimento della sfilata nonché al corretto comportamento dei responsabili di contrada nei confronti di
altri responsabili di sfilata e del pubblico. I componenti della commissione verificheranno eventuali
mancanze o infrazioni riscontrate consegnando un verbale al C.d.A. che deciderà in merito alle sanzioni da
applicare.
B) RAPPRESENTANZE IN COSTUME PER LE CERIMONIE UFFICIALI E LORO
SVOLGIMENTO
PRESENTAZIONE DEL CENCIO
ART. 23) Alla cerimonia di presentazione del cencio dovranno essere presenti per ciascuna Contrada: scudo,
bandiera, n° 15 musici e sbandieratori, il presidente recante il fazzoletto della contrada. Le Contrade si
posizioneranno per la cerimonia seguendo le istruzioni fornite dall’apposita commissione entrando in
ordine al sorteggio effettuato nella precedente assemblea. Dopo il loro ingresso entrerà il Palio che verrà
consegnato dal capitano del popolo nelle mani del Sindaco o di un suo rappresentante. Le Contrade
usciranno seguendo il medesimo ordine di arrivo.
Al termine della cerimonia si procederà al sorteggio dell’ordine di sfilata storica.
7
SORTEGGIO CAVALLI
ART. 24) Alla cerimonia del sorteggio dei cavalli dovranno essere presenti esclusivamente i rappresentanti
delle contrade partecipanti:
– il capitano recante il foulard della contrada il quale non potrà allontanarsi dal tavolo del sorteggio
fino alla fine della cerimonia pena l’ammenda di € 250.
– il fortunello e il barbaresco che si collocheranno vicino al tavolo e si allontaneranno solo al
momento di prendere in consegna il cavallo.
– la cerimonia del sorteggio si svolgerà nel seguente modo:
1) il Presidente del C.d.A. o suo delegato darà lettura del nome di ciascun cavallo in ordine crescente in
base al numero di coscia e procederà all’imbussolamento proseguendo poi con la lettura del nome
di ciascuna contrada in ordine alfabetico e relativo imbussolamento.
2) procederanno al sorteggio delle sfere due bambini appartenenti a una contrada scelta per ciascuna
edizione con rotazione che segua l’ordine alfabetico. Sarà estratto prima il cavallo e poi la Contrada
e daranno lettura del sorteggio il Presidente del Palio e un rappresentante dell’amministrazione
comunale.
A quelle Contrade che avranno un comportamento scorretto o lesivo della pubblica sicurezza o che
ostacoleranno in qualsivoglia modo lo svolgimento del sorteggio, l’uscita del cavallo e della contrada
dall’area del sorteggio, nonché tengano comportamenti fisici violenti nei confronti di dirigenti di altre
Contrade o collaboratori della stessa sarà comminata un’ammenda da €. 500,00 ad € 1.000,00 sulla base
della valutata gravità del fatto ed una diffida.
ISCRIZIONE FANTINI
ART. 25) Alla cerimonia di iscrizione dei fantini dovranno essere presenti: scudo, bandiera, nr.10 musici,
porta casacca e il presidente recante il fazzoletto della Contrada. Dopo la firma di presidente e fantino il
presidente vestirà il fantino con la casacca della corsa. L’ordine di ingresso delle Contrade a tale cerimonia e
di iscrizione dei fantini sarà lo stesso ordine della sfilata.
Alla fine di tale cerimonia il Sindaco o suo Delegato consegnerà il cencio al Presidente dell’Associazione.
CAPO III
CORSA DEL PALIO
ART. 26) Possono correre il Palio delle Contrade soltanto quelle Contrade nelle quali è suddiviso il territorio
del Comune.
Ciascuna Contrada sarà rappresentata, nella corsa del Palio da un cavallo montato da relativo fantino.
Il cavallo sarà assegnato a ciascuna Contrada mediante sorteggio.
8
ART. 26B) La corsa del Palio verrà effettuata con l’utilizzo di cavalli cd. mezzosangue di età non inferiore a
quanto previsto all’art.2 c.1 dell’Ordinanza del sottosegretario Martini del 21/07/2009 e successive
sostituzioni, proroghe, modifiche ed integrazioni.
ART. 26 C) La corsa delle batterie di qualificazione e del palio si svolgerà su due giri, da correre in senso
orario, con partenza dal canape che è situato prossimità della curva “arno” ed arrivo al paletto (paletto con
bandierino recante effige Comune di Fucecchio e Associazione) posto sul primo rettilineo dopo la curva
“arno”.
L’arrivo sarà validato al terzo passaggio del cavallo al bandierino- paletto con scoppio del mortaretto che
decreta la fine della corsa (art.41).
PREVISITE, CORSE DI SELEZIONE E ASSEGNAZIONE CAVALLI
ART. 27) Il martedì precedente la corsa del Palio i cavalli che partecipano alla tratta dovranno essere a
Fucecchio per essere sottoposti a visita dalla commissione veterinaria nominata dal C.d.A. e dovranno
essere muniti di morso e briglia nonché accompagnati da autodichiarazione del proprietario del cavallo
attestante i trattamenti farmacologici accompagnata dalla copia della ricetta veterinaria dalla quale risultino
i trattamenti farmacologici ai quali eventualmente è stato sottoposto l’animale nelle quattro settimane
precedenti la previsita.
La commissione veterinaria sarà affiancata dalla Commissione Tratta nominata dal C.d.A.
Le previste sono aperte al pubblico, coloro che intralceranno i lavori dell’equipe veterinaria saranno
immediatamente allontanati dall’area a cura del personale addetto.
Si terranno due momenti di incontro fra equipe veterinaria e capitani finalizzati all’illustrazione dello stato
fisico dei cavalli: il primo precederà le batterie, il secondo si terrà al termine delle batterie. Entrambi gli
incontri avranno luogo e si svolgeranno nella sede designata dal CDA.
Le schede tecniche dei singoli cavalli saranno a disposizione dei capitani delle Contrade assegnatarie al
termine del sorteggio.
In ottemperanza al protocollo sull’uso dei farmaci adottato dall’Associazione Palio delle Contrade fermo il
divieto del trattamento degli equidi con sostanze che esplicano azione dopante, i cavalli ammessi al
sorteggio saranno sottoposti ad prelievo ematico dopo le corse di selezione e dopo le batterie e la finale del
Palio, per quanto attiene alle modalità di sviluppo e le eventuali sanzioni si rimanda al protocollo sull’uso dei
farmaci che è parte integrante del presente regolamento e che verrà approntato avvalendosi della
consulenza di un dottore in farmacologia e presentato alle contrade entro il 30 aprile di ciascun anno, le
modifiche a tale protocollo possono essere apportate su proposta del consulente farmacologo incaricato
dall’Associazione e su indicazione di un rappresentante delle dodici Contrade, dal Consiglio di
Amministrazione, cui compete ogni decisione in ordine al Protocollo.
ART. 27 B) Il mercoledì antecedente la corsa del Palio, nella buca del palio si effettueranno le batterie della
tratta; sarà presente un maniscalco di servizio messo a disposizione dall’organizzazione. L’orario di inizio sarà comunicato dal C.d.A., tramite comunicato ufficiale e ogni mezzo di divulgazione, in base al numero dei
cavalli iscritti. Il numero dei cavalli iscritti sarà determinato sulla base del numero dei cavalli ritenuti idonei;
il numero dei cavalli per ogni corsa potrà variare fino a un massimo di 8, non sono previste qualifiche per
l’accesso alla scelta dei capitani delle contrade partecipanti i quali potranno pertanto scegliere su tutto il lotto dei cavalli ritenuti idonei dai veterinari dopo la disputa delle corse.
Con adeguata cerimonia, i cavalli selezionati saranno assegnati alle contrade mediante sorteggio.
9
I cavalli assegnati non potranno essere sostituiti e in caso di infortunio che renda impossibile la
partecipazione la Contrada non potrà correre il Palio.
ART. 27 C) La pista, utilizzata per le eventuali corse di preparazione, e o batterie di selezione, sino alla Corsa
del Palio dovrà presentare durante ogni utilizzo le medesime condizioni di fondo salvo casi eccezionali dovuti ad eventi metereologici. La Commissione Pista dovrà essere priva di potere dal mercoledì della tratta, onde per cui dal mercoledì alla domenica del Palio ogni decisione dovrà essere discussa con i Presidenti di
Contrada che avranno potere decisionale.
PROVE OBBLIGATORIE E DISPONIBILITA’ DELLA PISTA
ART. 28) Il giovedì alle ore 18,30 prove obbligatorie. Il cavallo dovrà essere obbligatoriamente nei box
predestinati entro le ore 18,00. L’ora di arrivo dei cavalli per l’accesso ai box predestinati sarà annotata su
apposito modulo predisposto dalla Associazione. Un consigliere del C.D.A. o un incaricato dalla
organizzazione ed il barbaresco della Contrada, attesteranno mediante firma la registrazione dell’ora nella
quale il cavallo è stato presentato per l’accesso ai box. Il mancato rispetto dell’ora di arrivo sarà sanzionato
nei confronti della contrada inadempiente con sanzione economica di €. 250,00. La prova si articolerà in due
batterie sulla distanza di due giri di pista. La mossa verrà data con il cavallo di rincorsa. Tutte le Contrade
dovranno parteciparvi, in caso di dichiarata indisposizione del cavallo, che comunque dovrà essere
comunicata al presidente del C.d.A. entro e non oltre le ore 17, il veterinario designato controllerà la
veridicità della medesima, nel caso non riscontrasse alcun impedimento la Contrada sarà obbligata a
partecipare alla prova. Se nonostante il parere favorevole del veterinario la Contrada rifiuterà di parteciparvi
alla medesima sarà comminata l’ammenda di € 2.500 e la sanzione della squalifica di cui all’art. 5, previa
comunicazione scritta al presidente. Il mattino dalle ore 8,00 alle ore 11,00 la pista sarà a disposizione,
previa comunicazione al presidente del C.d.A., di chi avesse necessità di effettuare delle prove.
Le suddette prove sono riservate esclusivamente ai cavalli assegnati alle Contrade, con divieto di accesso
e/o utilizzo della pista da parte di altri cavalli non rientranti tra quelli assegnati. Tale disposizione riguarderà
tutti i giorni ove verranno effettuate le prove.
Per le prove libere della mattina NON sarà disponibile il canapo di proprietà dell’associazione né sarà
consentito l’utilizzo degli strumenti per la mossa. Pertanto l’Associazione declina ogni responsabilità relativa
a eventuali incidenti al fantino o al cavallo derivanti dall’uso, da parte delle contrade, di ogni strumento per
la simulazione della partenza (corde, elastici e quant’altro).
ART. 28 BIS) SORTEGGI BATTERIE PROVE: L’ingresso dei cavalli ai canapi seguirà il seguente criterio: prova
del giovedì ore 18,30 ordine di sorteggio della tratta, prova del venerdì ore 18,30 ordine di sorteggio della
sfilata. Nel caso in cui la medesima Contrada si trovi di rincorsa per due prove consecutive si provvederà a
scalare la posizione della stessa mettendo di rincorsa la penultima Contrade estratta e comunque l’ultima
Contrada in ordine di ingresso fra i canapi che non sia stata di rincorsa nella prova del giorno precedente.
ART. 29) Venerdì prove obbligatorie con lo stesso orario e modalità del giorno precedente.
Venerdì alle ore 18,30 prove obbligatorie. Il cavallo dovrà essere obbligatoriamente nei box predestinati
entro le ore 18,00. L’ora di arrivo dei cavalli per l’accesso ai box predestinati sarà annotata su apposito
modulo predisposto dalla Associazione. Un consigliere del C.D.A. o un incaricato dalla organizzazione ed il
barbaresco della Contrada, attesteranno mediante firma la registrazione dell’ora nella quale il cavallo è stato
10
presentato per l’accesso ai box. Il mancato rispetto dell’ora di arrivo sarà sanzionato nei confronti della
contrada inadempiente con sanzione economica di €. 250,00. Tutte le Contrade dovranno parteciparvi, in
caso di dichiarata indisposizione del cavallo, che comunque dovrà essere comunicata al Presidente del
C.d.A. entro e non oltre le ore 17, il veterinario designato controllerà la veridicità della medesima, nel caso
non riscontrasse alcun impedimento la contrada sarà obbligata a partecipare alla prova. Se nonostante il
parere favorevole del veterinario la Contrada rifiuterà di parteciparvi alla medesima sarà comminata
l’ammenda di € 2.500 e la sanzione della squalifica di cui all’ert.5, previa comunicazione scritta al
presidente.
Dalle ore 8,00 alle ore 11,00 la pista sarà a disposizione di chi avesse necessità di effettuare delle prove,
previa comunicazione al Presidente del C.d.A. entro le ore 19,30 del giorno precedente. Le suddette prove
sono riservate esclusivamente ai cavalli assegnati alle Contrade, con divieto di accesso e/o utilizzo della
pista da parte di altri cavalli non rientranti tra quelli assegnati.
ART. 30) Il sabato la pista sarà a disposizione di chi avesse necessità di effettuare delle prove dalle ore 7,00
alle ore 9,00, previa comunicazione scritta al Presidente del C.d.A entro le ore 19,30 del giorno precedente.
Le suddette prove sono riservate esclusivamente ai cavalli assegnati alle Contrade, con divieto di accesso
e/o utilizzo della pista da parte di altri cavalli non rientranti tra quelli assegnati.
ART. 31) Alla Contrada che proverà il percorso fuori dal termine stabilito, senza autorizzazione sarà preclusa
la partecipazione a tutte le corse previste per quell’edizione del Palio.
ISCRIZIONE FANTINI
ART. 32) Alle ore 11,00 del sabato precedente il Palio in una cerimonia presieduta dal Sindaco o suo
delegato ed alla quale interverranno le autorità civili e religiose, alla presenza del C. di A., ogni Contrada
iscritta dovrà presentare, munito di documento di identificazione e di autocertificazione attestante
l’ottemperanza dei requisiti di cui all’art 2 comma 2 Ordinanza “Martini” e di cui al successivo art 32b, il
fantino designato che provvederà a firmare la dichiarazione di rischio per la corsa. Il Presidente di Contrada
firmerà la dichiarazione di responsabilità per il fantino stesso.
La mancata presentazione anche di uno solo di tali documenti comporterà l’esclusione della contrada
inadempiente sia dalle corse di qualificazione che dalla corsa del Palio.
ART. 32 B) In ottemperanza all’ dell’ordinanza del sottosegretario Martini del 21/07/2009 e successive
sostituzioni, proroghe, modifiche ed integrazioni è vietata la partecipazione al Palio di fantini che abbiano
riportato condanne per maltrattamento o uccisione di animali, spettacoli o manifestazioni vietate
competizioni non autorizzate e scommesse clandestine , in cui si evidenzi uso di sostanze stupefacenti o
dopanti attraverso controlli a campioni nonché risultino positivi ad alcol test a campione prima della gara in
base alle norme attuali vigenti( vedi art 2 c.2 Ord. Cit.). Nel caso di positività il fantino non potrà
partecipare al palio. Alla Contrada sarà assegnato un fantino di riserva estratto a sorte come previsto
nell’art.35.
11
CORSA DEL PALIO
ART. 33) La corsa del Palio si svolgerà la penultima domenica di maggio e comunque secondo quanto
previsto dall’articolo 4 del regolamento generale e sarà articolata in due batterie di qualificazione e la finale.
Basandosi sul numero complessivo delle Contrade attualmente componenti l’associazione e cioè 12 (dodici)
e considerandole tutte iscritte la regola prevede che siano disputate due batterie composte da 6(sei) cavalli
ciascuna, il numero dei qualificati a ogni batteria è previsto in 4 (quattro) cavalli con conseguente finale a 8
(otto)
Nel caso di un numero diverso di Contrade partecipanti il numero delle batterie e il numero dei classificati in
batteria ammessi a correre la finale saranno comunicati all’assemblea, in prima istanza, in base al numero
degli iscritti e comunque, in caso di eventi che impediscano a una o più contrade, regolarmente iscritte, la
partecipazione alla gara, sempre tenendo conto del corretto equilibrio della gara stessa.
Nel caso dovesse verificarsi, dopo il sorteggio delle batterie, per indisponibilità accertata dei cavalli, la
composizione di una batteria con un numero inferiore a 5 cavalli verrà considerato non qualificato un
cavallo modificando in conseguenza il numero dei partecipanti alla finale.
La mossa sarà data con il cavallo di rincorsa ed in curva.
Non appena comunicato al C.d.A. l’ordine di arrivo ufficiale il Palio sarà consegnato alla Contrada prima
classificata nella finale della “Corsa del Palio”.
ART. 34) Il C.d.A. alle ore 15,00 della domenica provvederà al sorteggio della composizione delle batterie
secondo il seguente iter:
– Alle ore 15:00 verrà effettuato il sorteggio sul palco dove presenzieranno i presidenti delle
Contrade. Il sorteggio verrà effettuato anche in caso di assenza di uno o più presidenti.
– il presidente del C.d.A. darà lettura dei nomi delle contrade in ordine alfabetico e procederà al loro
imbussolamento e inserimento nell’urna, al termine di questa procedura l’urna sarà fatta girare per
un numero di 3 volte;
– l’estrazione verrà effettuata da un membro del C.D.A.
– le prime sei Contrade estratte andranno a comporre la prima batteria le seconde sei la seconda.
La prima batteria si disputerà alle ore 16,00 e la successiva mezz’ora dopo la fine della precedente.
La finale si disputerà un’ora dopo la fine dell’ultima batteria entro 10 minuti dopo l’orario del tramonto.
.
ART. 35) Per le batterie di qualificazione e per la corsa del Palio il fantino ed il cavallo dovranno essere gli
stessi e saranno oggetto di identificazione.
Unicamente in caso d’infortunio accertato e certificata inidoneità a partire dalle ore 15,00 fino alla partenza
valida della mossa, il fantino ufficiale potrà essere sostituito con il fantino di riserva secondo le modalità
sotto descritte.
I fantini di riserva nel numero minimo di 5 (cinque) e massimo di 12 (dodici) saranno preventivamente scelti
dal C.d.A. e potranno percepire un rimborso spese massimo di € 50. Sarà cura del C.d.A. controllare la
posizione assicurativa di ogni fantino e la sussistenza dei requisiti di cui all’Ordinanza Martini.
L’ assegnazione avverrà in base alla scelta che sarà effettuata tra i nominativi dei fantini di riserva, dal
Capitano della Contrada. Qualora vi siano più fantini da sostituire, la scelta sarà stabilita mediante sorteggio
che avverrà con le seguenti modalità: i nomi delle contrade saranno imbussolati e inseriti nell’apposita urna
e verrà sorteggiato l’ordine della scelta da parte delle Contrade che dovranno servirsene.
12
ART. 35 B) In caso di infortunio del fantino ufficiale accaduto prima delle ore 15 del giorno della Corsa del
Palio e comunque successivi all’ufficializzazione del fantino la Contrada non potrà partecipare alla corsa del
Palio.
ART. 36) Non sono ammessi come fantini né alle prove né tantomeno alle batterie e alla corsa del Palio
coloro che risultino in corso di squalifica al Palio delle Contrade di Fucecchio nonché quelli richiamati nell’
art. 32b.
La Contrada che si avvarrà di un fantino che si trovi nella condizione citata non potrà partecipare né alle
prove, né alle batterie di qualificazione né alla corsa del Palio.
ART. 37) Pena la non ammissione della contrada alla mossa, si dovrà obbligatoriamente:
a. I fantini coprirsi il capo con il casco di protezione omologato, come prescritto per le corse al
galoppo.
b. I fantini vestire la casacca con i due colori della contrada per la quale corrono ed indossare
pantaloni lunghi, nonché il giubbetto di protezione antinfortunistico.
c. Ciascun cavallo deve essere montato a pelo ed inoltre portare due coccarde nei colori di Contrada,
una su entrambi i lati della testa.
d. Non usare speroni o qualunque oggetto all’uopo equivalente.
e. è severamente vietato l’uso del frustino elettrico. È ammesso l’uso del frustino purché non superi la
lunghezza di cm. 70.
f. È vietato l’uso degli aiuti in modo improprio o eccessivo tali da procurare o provocare sofferenza
all’animale.
Il controllo degli adempimenti previsti dall’art. 37 sarà effettuato dal Mossiere.
ART. 37 B) Il fantino dovrà essere obbligatoriamente entro le ore 15,00 nei box predestinati. Il cavallo dovrà
essere obbligatoriamente entro le ore 15:30 nei box predestinati. Un componente del CDA, o suo incaricato
sarà collocato al controllo e verifica dell’entrata del cavallo e fantino nell’area box.
L’ora d’arrivo dei cavalli per l’accesso ai box predestinati sarà segnata su apposito modulo predisposto dalla
Associazione. Un consigliere del C.d.A. e/o un incaricato dall’organizzazione ed il barbaresco della Contrada,
attesteranno mediante firma la registrazione dell’ora nella quale il cavallo è stato presentato per l’accesso ai
box predestinati.
La Contrada che entro le ore 15,30 non avrà presentato il cavallo sarà punita con l’ammenda di € 1.500 e la
sanzione di una diffida se il ritardo non supera i 30(trenta) minuti. Qualora il ritardo ingiustificato dovesse
superare tale limite alla Contrada inadempiente sarà preclusa la partecipazione al Palio in corso.
Alle ore 15:30 verrà dato dal Presidente del C.d.A., o suo delegato l’avviso di chiamata, entro 15 minuti
“cavalli al tondino”, che sarà ripetuto da un componente del C.d.A. all’ interno dell’area box.
Contestualmente alla chiamata da parte del Presidente del C.d.A., o un suo delegato, un incaricato da parte
del C.d.A., azionerà il timer visibile all’interno dell’area box che scandirà i 15 minuti annunciati per la discesa
dei cavalli al tondino. Terminati i 15 minuti, il Presidente del C.d.A., o un suo delegato, autorizzerà i cavalli
ad entrare in pista. Le contrade che non usciranno dall’area box al termine dei 15 minuti, in caso di ritardo
ingiustificato, saranno sanzionate secondo i seguenti criteri: in caso d’uscita dall’area box oltre il tempo
stabilito ma entro 5’ (cinque minuti) la contrada sarà considerata in ritardo e soggetta alla diffida; in caso di
ritardo oltre i 5’ (cinque minuti) ed entro 10’ (dieci minuti) la contrada verrà sanzionata con la diffida e
l’ammenda di € 1.500,00, mentre oltre i 10’ (dieci minuti) alla contrada sarà preclusa la partecipazione al
palio in corso.
13
Un veterinario della commissione e un componente del C.d.A., verificheranno e giudicheranno in loco,
tramite la redazione di una relazione scritta e controfirmata da un componente della contrada, se il ritardo
dell’uscita dal box del cavallo può essere ritenuto giustificato o meno.
Il presidente del C.d.A. o suo delegato, una volta fissato l’orario della partenza sia della seconda batteria che
della finale, attuerà le stesse modalità e tempistiche per l’entrata in pista dei cavalli come nella prima
batteria.
ART. 37 C) Al termine delle corse, sia di qualificazione che per la finale, i cavalli dovranno lasciare la pista. I
cavalli suddetti dovranno passare dal punto di uscita indicato, salvo che sussistano evidenti ragioni di
sicurezza o di ordine pubblico a discrezione dei preposti all’ordine pubblico e/o sicurezza. L’uscita dalla pista
del cavallo della Contrada da qualsivoglia altro posto sarà punita con l’ammenda di € 2.000 e l’ammonizione
a carico della Contrada stessa. In relazione alla normativa vigente (Ord. Martini) ed al regolamento dei
controlli antidoping è fatto divieto di far uscire il cavallo dall’area box prima dell’effettuazione del prelievo
antidoping. L’allontanamento anche temporaneo senza autorizzazione dall’area palio, prima di aver
completato l’iter del prelievo ematico, comporterà a carico della Contrada l’esclusione dalla Corsa del Palio
per l’edizione successiva.
In caso di verificato infortunio del cavallo e ricorrendo la urgente necessità di cura all’esterno o ricovero del
cavallo presso clinica o ambulatorio veterinario per cure e terapie urgenti, l’uscita del cavallo dovrà essere
autorizzata e certificata da un membro della commissione veterinaria e potrà lasciare l’area solo dopo il
prelievo ematico.
Ogni responsabilità per danni a cose e/o persone sarà a carico della Contrada.
ART. 38) La nomina del Mossiere e di n. 6 Giudici di gara (3 giudici di arrivo e 3 Giudici di pista) sarà
insindacabile prerogativa del Sindaco.
ART. 39) È severamente proibito, pena sanzioni che verranno comminate a Palio concluso:
a. Prendere le redini o in ogni modo trattenere i cavalli delle contrade concorrenti;
b. Trattenere i fantini delle contrade concorrenti in qualsiasi modo;
c. commettere scorrettezza, usare il frustino nei confronti di cavalli di altra contrada o provocare
ostacolo di qualsiasi genere durante la mossa;
d. disarcionare i fantini di altre contrade.
L’ordine di arrivo ufficiale sarà quello con il quale le Contrade hanno tagliato il traguardo e sarà
opportunamente comunicato al microfono da un membro del C.d.A.
Al termine delle batterie e della finale, mossiere e giudici di gara consegneranno il verbale di gara
segnalando in esso le eventuali infrazioni al presente regolamento, ad ogni fantino che dovesse aver
commesse quanto sopra esplicitamente vietato sarà, sulla base della gravità del comportamento, applicata
una o più diffide o interdetta la partecipazione al Palio per un periodo di edizioni da una a dieci a partire
dall’edizione successiva.
Relativamente alle Contrade è sancita la loro responsabilità oggettiva in merito alle infrazioni compiute dal
fantino fra i canapi e fino all’altezza del paletto-bandierino del C.d.A. ed elencate nelle lettere a. b. d. e che
saranno punite con la squalifica della Contrada per edizione una non cumulabile anche in caso di più
violazioni.
Per quanto attiene alla violazione di cui al punto c. la responsabilità oggettiva della Contrada che sarà punita
con una ammonizione è riconosciuta quando il comportamento del fantino sia tale da turbare, prolungare
14
ed ostacolare volutamente il regolare svolgimento della mossa con azioni che provochino difficoltà
all’allineamento dei cavalli, turbamento indotto ad altre Contrade, provocazione o disturbo di altri fantini
e/o cavalli.
Il raggiungimento da parte del fantino di n.3 diffide cumulatesi nell’arco di 5 edizioni, comporterà per il
fantino la interdizione dalla corsa del palio per la durata di una edizione a decorrere dall’ edizione
successiva al raggiungimento delle tre diffide.
Tutte le sanzioni a carico delle Contrade e dei fantini sono emanate dal C.d.A. e seguono l’iter di emanazione delle sanzioni specificato all’art. 47 bis.
ART. 40) La Contrada il cui fantino sarà per qualsiasi motivo disarcionato, non verrà eliminata dalla gara
nella quale è avvenuto il disarcionamento ed il suo cavallo scosso sarà inserito nell’ordine d’arrivo.
ART. 41) Le gare di qualificazione e la “Corsa del Palio” saranno effettuate sulla distanza di 2 (due) giri
dell’intero percorso della pista.
Nell’intervallo fra le batterie e la finale la pista dovrà essere adeguatamente preparata.
ART. 42) La mossa e le operazioni inerenti saranno effettuate dal mossiere sito su apposito palchetto
sopraelevato. Il mossiere azionando un marchingegno farà cadere un canapo appesantito da contrappeso.
Durante le operazioni della mossa è severamente vietata la presenza di qualsiasi persona per qualsivoglia
motivo.
Alla distanza di metri 4 (quatto) indietro rispetto al canapo di partenza sarà posto un altro canapo con un
varco dal lato del mossiere.
Il mossiere inviterà i fantini ad entrare fra i canapi rispettando l’ordine di sorteggio stabilito e consegnatogli
in busta chiusa. Il fantino di rincorsa sarà invitato ad entrare quando tutti gli altri cavalli saranno entrati
dentro i canapi. Il fantino di rincorsa deve stare obbligatoriamente nell’area compresa tra il contro canapo
ed un apposito paletto colorato. La mossa verrà data con il cavallo di rincorsa. Il mossiere dovrà sganciare il
canapo non appena il cavallo di rincorsa avrà oltrepassato con la testa il canapo posteriore.
Qualora si verificassero delle difficoltà il mossiere potrà fare uscire i cavalli dai canapi e quindi invitarli a
rientrare secondo l’ordine stabilito dal sorteggio.
Ogni discesa da cavallo dovrà essere preventivamente autorizzata dal mossiere.
Le partenze nulle saranno segnalate dal mossiere mediante uno scoppio di mortaretto, al compimento del
secondo giro la fine della corsa sarà segnalata con due scoppi consecutivi del mortaretto. In caso di
impedimento del mossiere, lo scoppio sarà effettuato da un incaricato del C.D.A.
In caso di mancato funzionamento del mortaretto, la partenza nulla sarà segnalata dal mossiere e da un
giudice di gara (posizionato nel punto di arrivo), mediante segnalazione con bandiera rossa mentre la fine
della corsa sarà segnalata dal giudice di gara con bandiera verde.
Il mossiere deve colloquiare pubblicamente solo attraverso l’impianto d’amplificazione collocato sul luogo di
gara.
Se le condizioni di sicurezza fossero tali da pregiudicare lo svolgimento della corsa finale del Palio, il
Presidente del C.D.A, sentito il sindaco o l’assessore delegato, deve indicare al mossiere il termine entro il
quale deve comunque validare la partenza della corsa medesima.
Decorso tale termine la corsa finale del Palio verrà sospesa ed effettuata il giorno successivo alle ore 18:00.
L’ordine di posizione ai canapi sarà determinato dalla seconda busta. Nel caso di suo utilizzo si procederà
nuovamente al sorteggio.
.
15
ART. 43) La posizione dei cavalli al canapo ed il cavallo di rincorsa, tanto per le batterie quanto per la corsa
finale sarà disciplinato da apposito sorteggio effettuato secondo le seguenti modalità:
il Presidente del C. di A. procederà a chiamare in pista i cavalli che corrono la prima batteria.
I Presidenti delle Contrade della prima batteria saranno chiamati sul palco e il presidente del C.d.A.
procederà all’inserimento delle palline recanti i colori delle contrade in un apposito meccanismo
denominato “alambicco” e farà ruotare lo stesso. Il sorteggio sarà effettuato anche in assenza di uno o più
Presidenti.
Al termine di detta operazione il Presidente del C.d.A. rovescerà l’alambicco in modo che le palline entrino
nel collo dello stesso. Il collo dell’alambicco sarà svitato e sigillato alla presenza dei Presidenti.
Il Presidente del C.d.A. insieme al Sindaco o suo delegato ed alla presenza del comandante della Polizia
Municipale procederà all’apertura della finestra posta sul collo dell’alambicco e trascriverà in busta l’ordine
di posizione ai canapi partendo dalla pallina all’estremità fissa del collo che corrisponderà al primo posto al
canapo. Successivamente al completamento delle predette operazioni si procederà con le medesime
modalità alla formazione di un secondo sorteggio (seconda busta)
La prima busta chiusa sarà consegnata al mossiere da un agente della Polizia Municipale, la seconda busta
sarà conservata dal presidente del C.d.A.
I colli dell’alambicco saranno conservati fino alla conclusione del Palio in una custodia sigillata dovranno
essere visionati nella prima Assemblea seguente il Palio. Le stesse operazioni saranno ripetute per la
seconda batteria e per la finale.
I sorteggi per ogni gara saranno effettuati anche quando uno o più cavalli saranno in pista
Il mossiere dovrà obbligatoriamente rispettare l’ordine di sorteggio. Qualora le difficoltà ad eseguire la
mossa fossero tali da richiedere un nuovo allineamento il mossiere dopo espletati tutti i tentativi per dare la
mossa deve richiedere al Presidente del Consiglio di Amministrazione la consegna della seconda busta.
Qualora un cavallo manifesti problemi comportamentali valutati dalla Commissione Veterinaria tali da
costituire pericolo tra i canapi a se od agli altri cavalli od anche a fantini, su indicazione degli stessi
componenti della Commissione Veterinaria, a tutela della salute animale, il cavallo che costituisce pericolo
dovrà essere collocato, su decisione del Sindaco, o dell’ Assessore delegato, o del Presidente del C.d.A., dal
Mossiere tra i canapi in ultima posizione, e qualora ciò non evitasse comunque il pericolo manifestato,
eccezionalmente , il Mossiere farà arretrare il cavallo in seconda fila abbassando il contro canape. Qualora
infine ciò non risulti sufficiente per il sussistere dei problemi comportamentali del cavallo in quanto non
riesca a prendere o a mantenere all’interno dell’area mossa una posizione di sicurezza per gli altri equidi, o
rifiuti ripetutamente l’ingresso antistante al canapo, la Commissione Veterinaria, sentito il sindaco o
l’assessore delegato, in assenza di entrambi sentito il Presidente del CDA, valuterà l’esclusione del cavallo
dalla corsa ad esclusiva tutela della salute animale, e lo comunicherà in forma scritta al Mossiere.
Il mancato rispetto della posizione assegnata dal sorteggio, ferma restando l’insindacabilità del mossiere
sulla validità della mossa, sarà oggetto delle sanzioni previste dal comma seguente.
Il mossiere per far rispettare la posizione fra i canapi e l’ingresso del cavallo di rincorsa ha a disposizione 3
richiami ufficiali che dovrà comminare esplicitamente al microfono indicando il nome della contrada o il
nome del fantino nonché riportarli sul verbale di mossa.
Al fantino che incorrerà nei tre richiami ufficiali sarà interdetta la partecipazione al Palio fino a tre edizioni
ad insindacabile giudizio del C.d.A., i richiami non sono cumulabili tra batteria e finale.
Il mancato rispetto della posizione fra i canapi (assegnata dal sorteggio) risultante dal verbale del mossiere,
potrà comportare per il fantino che ne è oggetto un ammonimento che verrà comminato dal C.d. A. in fase
di emissione delle sanzioni.
16
Per quanto attiene agli ammonimenti per il mancato rispetto della posizione fra i canapi essi sono
cumulabili fra batteria e finale e hanno una validità di 5 edizioni, al raggiungimento dei due ammonimenti al
fantino sarà comminata una squalifica di 1 edizione.
Al termine della finale del Palio, il Mossiere ed i Giudici di Gara dovranno consegnare al Presidente del
C.d.A. i verbali relativi sia all’ordine di arrivo, sia ai comportamenti tenuti durante le Corse di Selezione e
Finale.
ART. 43 BIS) Alla contrada associata vincitrice sarà riconosciuto una indennità a titolo di rimborso spese,
determinata annualmente dal CDA.
PERMESSI DI ACCESSO
ART. 44) Alle Contrade partecipanti saranno concessi n. 12 (dodici) permessi speciali nominativi
che dovranno essere utilizzati per le prove obbligatorie e per la corsa del palio di cui:
8 PERMESSI AREA BOX E INTERNO PISTA;
2 PERMESSO INTERNO PISTA;
1 PERMESSO PER IL PRESIDENTE DI ACCESSO A TUTTE LE AREE;
1 PERMESSO PER IL CAPITANO DI CONTRADA (opportunamente segnalato con la dicitura
“CAPITANO”) DI ACCESSO AD AREA BOX ED INTERNO PISTA
Alla Contrada squalificata dell’edizione in corso sarà rilasciato un PASS al Presidente o Vice e un PASS al Capitano o suo delegato presente nella lista dell’organico ufficiale depositato, per l’area verde.
Lo spazio all’interno della pista è riservato esclusivamente ai componenti dell’assemblea dei soci ed ai
titolari dei permessi concessi.
Il permesso al Presidente di Contrada permetterà l’accesso all’interno dell’apposito spazio riservato alla
giuria ed al C.d.A. per effettuare le operazioni inerenti al sorteggio iniziale delle batterie e le eventuali che
dovessero sorgere in merito a controversie e reclami di qualsiasi natura. Resta inteso che a tali operazioni
può partecipare solo il Presidente della Contrada.
Il capitano di Contrada titolare di permesso per area box e interno pista potrà salire sul Palco del C.d.A. solo
quando esplicitamente chiamato dal Presidente del C.d.A. o da uno dei membri di nomina comunale dello
stesso.
Il Presidente della Contrada dovrà garantire per la serietà e correttezza dei titolari di permessi e collaborare
con l’organizzazione e le forze dell’ordine al fine di evitare intemperanza fisica o verbale nelle aree riservate.
È fatto assoluto divieto ai non autorizzati di entrare nel predetto spazio riservato pena l’allontanamento
anche dall’area dell’interno pista.
È esclusiva prerogativa del C.d.A. rilasciare i permessi per l’accesso all’area Box salvo quanto sopra previsto.
ART. 44 BIS) Fanno eccezione a questa norma i permessi richiesti dall’Amministrazione Comunale.
I permessi speciali verranno assegnati secondo il seguente iter:
– Le Contrade dovranno comunicare l’elenco dei nominativi di coloro che dovranno avere il permesso
di accesso entro e non oltre il giovedì precedente la settimana del Palio,
– In caso di smarrimento dei permessi esso dovrà essere tempestivamente comunicato al C.D.A. e la
Contrada potrà avere esclusivamente duplicati per il presidente, capitano, barbaresco, maniscalco e
veterinario tutti gli altri permessi non potranno essere sostituiti.
– Coloro che risultassero in possesso di un permesso originale non rispondente al documento di
identità saranno deferiti alla contrada di appartenenza alla quale sarà altresì comminata
un’ammonizione e una sanzione di € 250,00 ed il permesso sarà immediatamente ritirato.
17
– A coloro che verranno trovati con pass contraffatti e non originali verrà ritirato il permesso e i
medesimi saranno fatti uscire dall’area della manifestazione e denunciato all’Autorità Giudiziaria.
Ogni richiesta di emissione di pass per l’interno pista da parte di associazioni che prestano servizio per la
manifestazione, altri enti e esponenti della stampa dovrà essere formulata per scritto e opportunamente
motivata, sarà cura del C.d.A. approvare le richieste e determinare il numero dei permessi accordati. Fanno
eccezione a questa norma i permessi richiesti dall’Amministrazione Comunale.
I permessi di spettanza delle Contrade per le prove obbligatorie dovranno essere ritirati il giovedì prima
dell’inizio della prima prova obbligatoria secondo le modalità comunicate dal C.D.A.
I permessi validi per la corsa del Palio potranno essere ritirati la domenica mattina secondo le modalità comunicate dal CDA.
(ABROGATO)
I titolari dei permessi dovranno presentarsi all’ingresso pass esibendo contestualmente al pass nominativo
anche documento d’identità pena la non ammissione all’area riservata.
Gli elenchi nominativi sia per le Contrade che per i titolari di pass extra contrade saranno trasmessi per
conoscenza sia alle forze dell’ordine che al Sindaco. I permessi di accesso rilasciati dalla Amm.ne Comunale
dovranno essere comunicati dal C.d.A. alle Contrade entro la mattina della presentazione dei fantini.
Qualora un soggetto inserito nella lista Pass, si sia reso responsabile di comportamenti fisici violenti,
ancorché non dirigente di contrada, commessi durante una delle manifestazioni ufficiali del Palio
(presentazione del Cencio, tratta, prove obbligatorie, presentazione dei fantini, sfilata storica ) il C.d.A. ad
insindacabile giudizio e previa verifica in contraddittorio tra il responsabile ed il soggetto passivo del fatto,
valutate all’occorrenza testimonianze o verbali dell’Autorità, non gli rilascerà il Pass e se già rilasciato lo
ritirerà.
PROVVEDIMENTI SANZIONATORI
ART. 45) Ogni intemperanza o comportamento violento sia fisico che verbale nei confronti dei giudici di gara
e dei componenti del C.d.A., dei membri della Commissione veterinaria, o commissione Palio, nonché del
mossiere da parte dei responsabili ufficiali di Contrada (Presidente, Capitano,) o di persone titolari del
permesso di accesso alle aree riservate, comporterà l’allontanamento dall’interno dell’area Palio del
soggetto che pone in essere il suddetto comportamento e sulla base della gravità del comportamento il C. di
A. potrà applicare sanzioni economiche e/o ammonizioni a carico della contrada di appartenenza e/o il
divieto di accedervi da 1 ad 2 edizioni successive.
Coloro i quali, con il proprio comportamento, provochino incitamento verso il pubblico a compiere atti di
forza o compiano violenza nei confronti di persone e/o animali saranno denunciati alla Autorità Giudiziaria.
È vietata ogni invasione di pista o dell’area verde, è consentito alla Contrada vincitrice entrare in pista per
festeggiare al termine della finale il proprio fantino o cavallo nonché per ritirare il Palio al termine della
finale. Alla Contrada che contravverrà al presente divieto e che, seppur richiamata dal Presidente del C.d.A.
o da un membro del C.d.A., non rientrerà repentinamente nei propri spazi sarà comminata la sanzione della
squalifica di una edizione Stessa pena verrà applicata alla contrada che entri in pista per fermare il cavallo
senza ragione eccetto che per infortunio dello stesso o estremo pericolo per l’animale o per la corsa stessa.
La Contrada che impedirà o ostacolerà il regolare svolgimento e conclusione delle batterie di qualificazione
o della corsa finale o in un qualsiasi altro momento della manifestazione ostacolerà il regolare svolgimento
18
con comportamenti violenti all’interno della Buca del Palio non potrà partecipare all’edizione successiva e
sarà tenuta a risarcire gli eventuali danni arrecati alla Associazione.
Relativamente alla responsabilità della Contrada per quanto commesso dal fantino essa è sancita all’art. 39
del presente regolamento.
È vietato ogni comportamento violento sia fisico che verbale in tutti i luoghi situati all’interno dell’area ove
si svolge la manifestazione (pista, interno pista, recinto cavalli). Al fine di impedire tali comportamenti i
dirigenti ed i responsabili di Contrada sono tenuti ad intervenire con ogni mezzo a loro disposizione
(richiamo, dissuasione, pubblica condanna). Qualora, per fatti gravi valutati dal C. di A. o risultanti da
rapporto della Autorità, sia accertato il mancato intervento dei dirigenti o responsabili di contrada, con
configurazione di responsabilità oggettiva, alla stessa Contrada sarà applicata la squalifica per la successiva
edizione del Palio. Al responsabile dei comportamenti violenti, sia verbali che fisici, oltre al deferimento alla
contrada di appartenenza potrà essere irrogata alternativamente, sulla base della gravità del
comportamento, una o più diffide o il divieto di accesso all’interno pista, pista e recinto cavalli per un
periodo da anni uno ad anni due. Il raggiungimento da parte del soggetto responsabile dei comportamenti
di n. 3 diffide cumulatesi nell’arco di 5 edizioni, comporterà per tale soggetto il divieto di accesso di cui
sopra per una edizione a decorrere dall’edizione del palio successivo.
I predetti divieti sono applicabili fino al termine della manifestazione per quanto concerne l’area interna e
relativamente all’area box fino al termine delle operazioni di prelievo e conseguentemente fino all’uscita
dell’ultimo cavallo.
Ogni infrazione sarà segnalata per scritto dopo la corsa della Finale del Palio dai Giudici di Gara, mossiere e
dalle autorità preposte alla sorveglianza al C.d.A., composto per la valutazione e applicazione delle sanzioni
dai soli membri di nomina comunale, il quale al fine di verificare quanto segnalato potrà avvalersi di
testimonianze e/o riprese televisive nonché delle segnalazioni della commissione palio, previa convocazione
da parte del C.D.A. del soggetto che si assume responsabile e del soggetto passivo del comportamento per
la valutazione in contraddittorio.
I provvedimenti di cui al presente articolo applicati dal C.d.A. sono eseguibili per l’edizione successiva della
manifestazione.
ART. 45 BIS) Per l’applicazione di sanzioni economiche, diffide e ammonizioni la Contrada è responsabile nei
confronti del C.d.A. per il contegno dei propri contradaioli quando sia stato tale da provocare incidenti o
tumulti o da turbare il regolare svolgimento delle manifestazioni organizzate dall’associazione Palio.
Il C.d.A. potrà anche in questo caso tenere conto, ai fini della graduazione delle punizioni, del
comportamento dei dirigenti che hanno la responsabilità della Contrada.
Il C.d.A. potrà, per quanto non esplicitamente previsto nel precedente articolo 45 e per le circostanze di cui
all’ art. 39, comminare i seguenti provvedimenti nei confronti della contrada: ammonizione e/o sanzione
economica da un minimo di € 1.000,00 a un massimo di € 5.000,00 nonché una o più diffide; la sanzione
economica può essere sostitutiva o aggiuntiva rispetto alle diffide e alle ammonizioni in base alla tipologia
dell’infrazione contestata.
ART. 45 TER) È vietato l’uso nell’area palio di aste, mazze di tamburo, fumogeni, petardi, trombe da stadio e
ogni altro strumento idoneo ad offendere e creare turbamento e disturbo agli equidi. È altresì vietato
esporre striscioni offensivi. Ogni violazione sarà sanzionata con un’ammenda di € 250,00 e/o diffida alla
Contrada nel cui settore viene localizzato l’uso.
ART. 45 Quater) Durante le manifestazioni è vietato ogni intemperanza o comportamento violento sia fisico
che verbale nei confronti dei giudici di gara e dei componenti del C.d.A., dei membri della Commissione
veterinaria, commissione Palio, o collaboratori del C.d.A., nonché del mossiere da parte dei dirigenti e/o
responsabili di Contrada. Sulla base della gravità del comportamento il C. d. A. potrà applicare a carico del
19
responsabile dei comportamenti violenti e/o della contrada di appartenenza, le sanzioni previste nell’art.10
del presente regolamento.
ART. 45 Quinquies) Per Quanto non previsto, Il C.d.A. ha facoltà di provvedere all’emanazione delle sanzioni
in maniera diretta nei confronti di chi ha violato il presente regolamento e/o ha commesso atti lesivi dei
principi della manifestazione, elencati nel presente codice etico.
ART. 46) VIOLAZIONI DEL REGOLAMENTO
Il C.d.A., sulla base dei verbali dei giudici o del mossiere e, se necessario, dopo aver sentito le Autorità ed
esaminate riprese video e sentite le parti emanerà le eventuali sanzioni che saranno applicate per l’edizione
del Palio successivo.
ART.46 BIS) È fatto divieto ad ogni contrada di effettuare proposte di sanzioni nei confronti di altra/e
contrade.
ART. 47) EMANAZIONE DELLE SANZIONI:
Il C.d.A. per l’emanazione delle sanzioni si avvarrà di:
– esame dei verbali di giudici di gara e mossiere, delle riprese video o televisive;
– segnalazioni da parte delle Autorità di comportamenti violenti o lesivi nei confronti di persone,
cavalli o cose;
Inoltre qualora dai verbali o riprese video emergano fatti reputati gravi o lesivi della manifestazione ma non
imputabili direttamente e in maniera certa alla Contrada o alla sua dirigenza sarà cura del C.d.A. provvedere
alla denuncia degli stessi e di coloro che li hanno commessi alle autorità competenti in base alle norme di
legge vigenti.
Il C.d.A. ha facoltà di provvedere all’emanazione delle sanzioni in maniera diretta anche relativamente ai
comportamenti tenuti da dirigenti di Contrada e fantini.
ART. 47 BIS) TEMPI DI EMANAZIONE SANZIONI A CONTRADA E O DIRIGENTI:
Il C.d.A., in seduta riservata ai soli membri di nomina comunale dovrà provvedere a comunicare la possibile
sanzione in attesa di convalida, in forma scritta, oppure mezzo Pec, e riservata alla Contrada e/o dirigenti,
entro 4 settimane dalla Corsa del Palio.
La contrada e/o i dirigenti che saranno soggetti della possibile sanzione, una volta convocati dal C.d.A.,
potranno presentare e discutere, entro una settimana dalla presa visione dei verbali, i propri atti difensivi.
Il C.d.A. entro il 1° Luglio, comunicherà in forma scritta e riservata, oppure mezzo Pec, alla contrada e/o
dirigenti le eventuali sanzioni definitive.
Le sanzioni, senza menzione della motivazione, saranno enunciate attraverso la convocazione di
un’assemblea apposita, la settimana successiva alla loro comunicazione. Le Contrade e/o i dirigenti che sono
stati oggetto di sanzione potranno presentare ricorso sulla legittimità delle sanzioni entro 2 settimane
dall’avvenuta comunicazione scritta, oppure mezzo Pec, tale ricorso sarà consegnato dal CDA al Collegio dei
Probiviri, nominato all’uopo dal Sindaco. I componenti del Collegio dei Probiviri dovranno essere persone
qualificate, devono essere in possesso di competenze legali, godere di un’ottima reputazione e moralità.
Il Collegio, dovrà valutare solo la corretta applicazione del regolamento da parte del C.D.A. nella irrogazione
delle sanzioni, potendo procedere all’ annullamento o alla conferma della sanzione, ma non potendo in
nessun caso modificare o integrare il tipo di sanzione irrogata. Il Sindaco anche quale Presidente della
Assemblea farà da garante della corretta applicazione del Regolamento e dell’operato del Collegio dei
Probiviri.
20
Il Collegio entro il 7 Agosto si pronuncerà sull’ammissibilità dei ricorsi e emanerà la sentenza definitiva. I
Probiviri hanno, una volta nominati, incarico annuale.
ART. 47 TER) VIOLAZIONE DEL REGOLAMENTO E TEMPI DI EMANAZIONE SANZIONI PER I FANTINI:
Per quanto riguarda il comportamento dei fantini, il C.d.A., emanerà le sanzioni che dovranno trovare
riscontro nel verbale del mossiere o dei giudici di gara; queste saranno applicate a partire dall’edizione del
Palio successivo. Per quanto non riportato nei verbali sopra menzionati, il C.d.A. potrà emanare delle
sanzioni a carico dei fantini, avvalendosi di riprese video ed eventualmente sentite le autorità; quando
queste riguardano fatti e/o comportamenti lesivi della manifestazione come da codice etico allegato.
Il C.d.A., in seduta riservata ai soli membri di nomina comunale dovrà provvedere a comunicare le sanzioni,
in forma scritta e riservata, oppure mezzo Pec, al fantino oggetto di sanzione entro 4 settimane dalla Corsa
del Palio. Le sanzioni, senza menzione della motivazione, saranno enunciate attraverso la convocazione di
un’assemblea apposita. Solo i fantini che sono stati oggetto di sanzione potranno presentare ricorso sulla
legittimità delle sanzioni entro il 2 settimane dall’avvenuta comunicazione scritta, oppure mezzo Pec, tale
ricorso sarà consegnato dal CDA al Collegio dei Probiviri, nominato all’uopo dal Sindaco. I componenti del
Collegio dei Probiviri dovranno essere persone qualificate, devono essere in possesso di competenze legali,
godere di un’ottima reputazione e moralità.
Il Collegio, dovrà valutare solo la corretta applicazione del regolamento da parte del C.D.A. nella irrogazione
delle sanzioni, potendo procedere all’ annullamento o alla conferma della sanzione, ma non potendo in
nessun caso modificare o integrare il tipo di sanzione irrogata. Il Sindaco anche quale Presidente della
Assemblea farà da garante della corretta applicazione del Regolamento e dell’operato del Collegio dei
Probiviri.
Il Collegio entro il 7 Agosto si pronuncerà sull’ammissibilità dei ricorsi e emanerà la sentenza definitiva. I
Probiviri hanno, una volta nominati, incarico annuale.
ART. 48) VINCOLO DI GIUSTIZIA: Le Contrade, i loro dirigenti ed i loro legali rappresentanti pro tempore in
carica, si impegnano ad osservare lo Statuto della Associazione Palio delle Contrade Città di Fucecchio ed il
presente regolamento del Palio ed ogni altra norma votata ed approvata in ragione della appartenenza alla
Associazione suddetta ed a tal fine accettano pienamente l’efficacia dei provvedimenti anche sanzionatori,
adottati dagli organi preposti o dai loro componenti nelle relative vertenze insorte tra Contrade o fra
Associazione e Contrade nello svolgimento della Manifestazione denominata Palio delle Contrade Città di
Fucecchio. Ogni comportamento o attività contrastante con tale obbligo o comunque volto ad eludere il
vincolo di giustizia ricorrendo alla giurisdizione statale comporterà la sanzione alla Contrada dell’esclusione
immediata del Consiglio Direttivo o altro Organo deliberativo dall’associazione palio delle Contrade città di
Fucecchio e la squalifica della Contrada dalla partecipazione alla Corsa del Palio per anni uno a decorrere
dall’ esclusione per tale comportamento.
IL Fantino si impegna ad osservare il presente regolamento; a tal fine accetta pienamente l’efficacia dei
provvedimenti anche sanzionatori nei suoi confronti, adottati dagli organi preposti o dai loro componenti
nello svolgimento delle manifestazioni organizzate dall’Associazione Palio delle Contrade di Fucecchio. Ogni
comportamento o attività contrastante con tale obbligo o comunque volto ad eludere il vincolo di giustizia,
ricorrendo alla giurisdizione statale, comporterà la sanzione dell’interdizione del fantino (con un minimo di
10 anni) a tutte le iniziative organizzate dall’Associazione Palio delle Contrade di Fucecchio, a partire dalla
notifica della stessa.
Il presente Regolamento approvato dalla Assemblea delle Contrade entra in vigore per l’anno 2022
Fucecchio 14 marzo 2022 Il Presidente dell’Assemblea