imagesColori: Bianco e Nero

Araldica: Vaiato di bianco e di nero, caricato di un airone cenerino d’argento.

Simboleggia: Grande nobiltà, preminenza di onori

Vittorie: 1 (1981) 

Santo patrono: Madonna dell’Assunta (15 Agosto)

Contrada rivale: Cappiano

Pagina Facebook

 

Storia: Le origini della Ferruzza, o Ferruccia, ci riportano alla prima metà del 1300. Secondo alcuni storici si rammenta un certo Perizzo o Pieruccio di Nuto, che avendo fatto costruire una fonte, da lui detta appunto “Fonte Peruzza”, in seguito il nome venne mutato in “Fonte della Ferruzza”.

Il Canonico Giulio Taviani scrive: “Nella metà del 700 Pieruccio fu il capostipite di una buona famiglia fucecchiese già estinta nel 1600. Non fu mai ricca, ma ebbe i suoi onori in patria dopo la partenza delle famiglie magnate”. E’ evidente che la Chiesa della Ferruzza, in stile romanico, quando fu costruita, prese nome dalla fonte che là si trovava
da circa due e che tuttora esiste.

Per quanto riguarda il nome Ferruccia, è rammentato da un certo Machiavelli, sembra essere stata una zona di ferraioli o fabbri ferrai, i quali lavoravano gli arnesi agricoli di una vasta zona, essendo Fucecchio un comune molto grande e agricolo nell’epoca della dinastia dei Cadolingi, il nome Ferruccia, può provenire anche da ferro, ovvero dai ferraioli.

La Ferruzza era parte in collina e parte in pianura (com’è tutt’oggi), popolata da lavoratori tra i quali vi fu un’illustre scrivano, un certo Fra Bartolomeo da Fucecchio (non era un frate, ma un Notaio), nativo della Ferruzza nel 1515. Per quanto riguarda il nome Ferruzza, c’è comunque un’altra storia che sembra quella più credibile. Come appare da un manoscritto del 7 dicembre 1385, relativo ad un legato o contratto, il testatore volle essere seppellito nella Chiesa dei Santi Filippo e Iacopo a Vignale (PT), e volle mettere il nome Ferruccia ad un Ufficio che a quell’epoca si trovava alla Ferruzza, e nel quale venivano valutate varie merci, tra i quali grano e pasture, che i terreni fucecchiesi producevano in abbondanza.

In questo Ufficio pare fosse impiegata una donna originaria della valle dell’Ombrone Pistoiese, la quale aveva per nomignolo Monna o Madonna Ferruccia. Con ciò anche la Chiesa prese il nome di Madonna della Ferruzza
(da un dizionario storico del 1835).

Alcune immagini di Ferruzza:

020301 0504

 

 

 

 

 

Le immagini relative alla Contrada Ferruzza sono presenti sul portale www.0571foto.com. Per vedere le gallerie complete potete visitare i seguenti link: